Visura Camerale di Protocollo

La visura camerale di protocollo è indispensabile qualora si voglia avere informazioni aggiornate sulle recenti modifiche presentate al Registro Imprese della Camera di Commercio relative ad una persona giuridica. La visura evidenzia le pratiche in istruttoria depositate con indicazione del tipo di atto, della data di presentazione, del numero di protocollo e dello stato di gestione della pratica

Compila il modulo con i campi necessari

Vuoi richiedere questo servizio?

Puoi ottenerlo in soli 3 passaggi:

  1. Accedi con le tue credenziali o registrati
  2. Ricarica il tuo Plafond a partire da € 10,00
  3. Richiedi il servizio
Id 56
timer
Tempo medio di consegna pochi secondi

Visura Camerale di Protocollo € 3,36

**Tasse € 0,65

IVA (22%) € 0,74

TOTALE € 4,75

**Importo riferito a tasse, tributi e diritti

Descrizione

Il servizio visura camerale di protocollo viene estratto online con accesso diretto al Registro Imprese della Camera di Commercio ed è disponibile in pochi secondi. Consente di disporre dell'ultimo aggiornamento depositato in Camera di Commercio sull'iscrizione e sulle modifiche ai dati societari presentate da una persona giuridica di interesse. La visura camerale di protocollo viene consegnata online in formato .pdf e contiene:

  • dati dell'impresa
  • numero di protocollo
  • data di presentazione
  • stato della pratica
  • tipologia e descrizione dell'atto

NOTE
* Si ricorda che alcune tipologie di persone giuridiche (studi associati, aziende agricole, cooperative, associazioni, fondazioni, enti non commerciali) potrebbero non essere censiti in Camera di Commercio in relazione all'attività svolta. Pertanto, l’esito della visura camerale di protocollo in questi casi può essere negativo.
* Il servizio di consegna online in tempo reale è disponibile tutti i giorni, festivi compresi, dalle ore 08:00 alle 23:30.
* Le spese escluse IVA sono relative ai diritti camerali imposti dalla Camera di Commercio (euro 0,65).

Domande e Risposte

Perché richiedere le visure camerali ?

Quando si devono acquisire informazioni su un nuovo cliente, su un partner commerciale o su un fornitore, quando si deve valutare un conduttore in una locazione commerciale, quando si deve valutare una impresa di costruzioni dalla quale si è in procinto di acquistare un immobile, le visure camerali contengono dati oggettivi provenienti da fonti ufficiali ed aggiornate indispensabili per la ricerca e valutazione di imprese italiane.

Quali dati sono presenti nelle visure camerali ?

Le visure camerali contengono i dati identificativi dell’impresa (denominazione, codice fiscale e partita iva, REA, PEC), la sede legale e le unità locali, il codice ATECO dell'attività primaria e secondaria, il capitale sociale, il sistema di amministrazione, lo statuto ed i patti sociali, i nominativi dei soci e la distribuzione in quote, il numero degli addetti, attestazione SOA, certificazione ISO, iscrizione ad albi, ruoli e licenze.

Come richiedere le visure camerali ?

Le visure camerali possono essere richieste per:

  • denominazione
  • codice fiscale
  • partita iva
  • numero di iscrizione al R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo) dell’impresa.

In caso di richiesta di visura camerale per denominazione, è necessario indicare la provincia nella quale ha sede legale l’impresa al fine di limitare il numero delle possibile omonimie. È possibile richiedere le visure camerali anche qualora si dispongano dei soli dati anagrafici di una persona fisica (amministratore, titolare o legale rappresentante, socio, sindaco, ..) e si voglia verificare quali siano le imprese collegate alla persona o delle quali detenga quote sociali.

Qual è la data di aggiornamento nelle visure camerali ?

Nelle visure camerali, la data di aggiornamento dei dati è quella antecedente il giorno lavorativo della richiesta tenendo presente che un eventuale disallineamento può essere dovuto ad un ritardo nel caricamento dei dati presso gli Uffici della Camera di Commercio. I servizi di visure camerali si basano su dati estratti direttamente da Infocamere, la società consortile delle Camere di Commercio italiane. In ogni visura camerale evasa, viene comunque sempre riportata sia la data di estrazione della visura sia la data di aggiornamento degli archivi.

Il servizio visure camerali

Le visure camerali possono essere richieste via web ed evase in tempo reale. Si tratta di documenti estratti da fonti ufficiali (Camera di Commercio) al momento della richiesta e non provenienti da banche dati: tutte le visure camerali riportano sempre la dati di aggiornamento. Le fonti pubbliche di riferimento sono il Registro Imprese ed il Registro Soci della Camera di Commercio. Le visure camerali vengono evase come documenti informatici in formato .pdf. I documenti vengono inviati via web entro i tempi di consegna indicati nella scheda di descrizione del servizio. In caso di difficoltà nella lettura dei file, il documento può essere inviato anche con altri software o con versioni precedenti o, in alternativa, via fax. È possibile richiedere l’invio del documento in originale anche con corriere espresso.

Qual è la differenza tra una visura camerale ordinaria o attuale e una visura storica ?

La visura camerale ordinaria riporta i dati di una impresa allo stato attuale ossia al momento della estrazione del documento dal Registro Imprese della Camera di Commercio. La visura camerale storica riporta tutte le variazioni intervenute nella vita di una impresa dalla data di costituzione e di iscrizione al Registro Imprese fino alla data di aggiornamento.

Qual è la differenza tra una visura camerale ed un certificato di iscrizione ?

La visura camerale è un documento ufficiale rilasciato dalla Camera di Commercio ma privo di valore legale in quanto non vengono apposte le marche da bollo. La visura camerale non ha una durata o una scadenza predefiniti per legge. Il certificato di iscrizione è un documento con valore legale che certifica la effettiva iscrizione di una impresa in Camera di Commercio. Ai fini della sua validità, deve essere stampato su carta filigranata con la apposizione delle contromarche olografiche e delle marche da bollo. La durata della validità del certificato è di 6 mesi.

Chi può richiedere le visure camerali ?

Chiunque può richiedere una visura camerale, in quanto i dati in essa contenuti vengono estratti dagli archivi ufficiali delle Camere di Commercio: sono dati pubblici e liberamente consultabili da chiunque.