Pratica di accatastamento fabbricati DOCFA

La pratica di accatastamento fabbricati DOCFA deve essere presentato quando si intenda provvedere all'accatastamento di nuovi fabbricati o denunce di variazione relative a fabbricati esistenti con pratica DOCFA.

Compila il modulo con i campi necessari

Vuoi richiedere questo servizio?

Puoi ottenerlo in soli 3 passaggi:

  1. Accedi con le tue credenziali o registrati
  2. Ricarica il tuo Plafond a partire da € 10,00
  3. Richiedi il servizio
Id 143
timer
Tempo medio di consegna 30 gg. lavorativi

Pratica di accatastamento fabbricati DOCFA

Richiedi Preventivo

Descrizione

Perché presentare una pratica di accatastamento fabbricati DOCFA ?
Sono numerosi ed articolati i motivi per i quali è necessario effettuare in Catasto una denuncia di accatastamento o di variazione di una unità immobiliare urbana. Nel corso del processo di costruzione, al termine della fine lavori e del collaudo delle opere, le nuove unità immobiliari urbane realizzate devono essere denunciate attraverso la compilazione di una pratica DOCFA per domanda di accatastamento.
Nei seguenti casi, è invece indispensabile effettuare una denuncia di variazione DOCFA per tutte quelle unità immobiliari già denunciate in Catasto ma rispetto alle quali sia intervenuto:

  • il cambio di destinazione d’uso
  • la variazione della consistenza (superficie netta e superficie commerciale) a seguito di ampliamento dei vani, demolizione di un fabbricato, anche se parziale, fusione dell’unità principale con altre unità immobiliari o divisione della stessa unità immobiliare in più unità
  • la modifica delle caratteristiche dell’unità immobiliare urbana che incida sul suo valore e, di conseguenza, anche sulla rendita catastale, con variazioni nella distribuzione interna dei vani o nella ristrutturazione
  • la variazione dei dati toponomastici relativi all’unità immobiliare urbana, quali indirizzo, numero civico, piano,

Quali documenti occorrono per presentare una pratica di accatastamento fabbricati DOCFA ?
Per presentare in Catasto una denuncia DOCFA, è indispensabile disporre della seguente documentazione:

  • titolo di provenienza (atto di compravendita, successione, donazione, ..)
  • dati (numero protocollo e data) dell’ultima pratica edilizia relativa all’immobile (denuncia inizio attività, licenza edilizia, autorizzazione edilizia, pratica di condono edilizio, ..),
  • dati catastali identificativi dell’immobile (comune, foglio, mappale ed ex particelle, subalterno)
  • estratto di mappa catasto terreni
  • destinazione d’uso dell’immobile
  • numero delle unità immobiliari e loro consistenza in mq.
  • copia documento identità e codice fiscale del proprietario.

Domande e Risposte

A cosa servono le pratiche catastali ?

Le pratiche catastali servono per regolarizzare e aggiornare i dati di una unità immobiliare al Catasto Terreni o al Catasto Fabbricati. In pratica, servono per: correggere gli errori riscontrati nelle visure catastali relativi alla denominazione, ai dati anagrafici, al codice fiscale; presentare una istanza di modifica della rendita catastale; aggiornare una planimetria in Catasto a seguito di una ristrutturazione o di un frazionamento; modificare i dati della ditta catastale con la voltura a seguito di un atto di compravendita o di una successione.

Quali sono i professionisti abilitati per una pratica in Catasto ?

Le pratiche di rettifica o correzione dei dati catastali, presentazione di istanza in catasto e voltura catastale vengono svolte da esperti visuristi. Le pratiche di accatastamento DOCFA e denuncia variazione terreni PREGEO vengono affidate a professionisti iscritti agli ordini e collegi professionali (secondo il decreto legge n.90/1990 convertito in legge n.165/1990 art.1 comma 7).

Quando richiedere le pratiche catastali ?

Le pratiche in Catasto sono utili quando sia necessario: correggere i dati in Catasto prima della stipula di un atto notarile di compravendita immobiliare o di un mutuo bancario; presentare istanza di modifica della rendita catastale prima del pagamento delle imposte sulla casa IMU, TARI e TASI o del pagamento delle imposte sui redditi; aggiornare i dati della ditta catastale dopa la presentazione di una dichiarazione di successione; accatastare un immobile con procedura DOCFA dopo una ristrutturazione edilizia o il frazionamento di una unità immobiliare.

Come sono svolte le pratiche in Catasto ?

Le pratiche catastali vengono svolte da professionisti abilitati alla trasmissione telematica degli atti in Catasto, incaricati di esaminare e risolvere l’esigenza specifica del cliente. A conclusione del lavoro, viene consegnata al cliente tutta la documentazione comprensiva delle visure catastali aggiornate. I documenti vengono inviati via web entro i tempi di consegna indicati nella scheda di descrizione del servizio. È possibile richiedere l’invio del documento in originale anche con posta ordinaria, raccomandata o corriere espresso.

Come si può verificare la data di aggiornamento della pratica in Catasto ?

In ogni documento, a conclusione delle attività svolte, viene evidenziata la data di aggiornamento della pratica, il numero di protocollo del Catasto ed il nominativo del tecnico incaricato.