Visura repertori cartacei Conservatoria persona fisica

La visura repertori cartacei Conservatoria consiste in una ispezione ipotecaria, effettuata da un esperto visurista presso l'ufficio della Conservatoria RR.II. Il documento evidenzia tutti gli atti notarili disponibili in formato cartaceo, non digitale, trascritti in Conservatoria prima della data di meccanizzazione

Compila il modulo con i campi necessari

Vuoi richiedere questo servizio?

Puoi ottenerlo in soli 3 passaggi:

  1. Accedi con le tue credenziali o registrati
  2. Ricarica il tuo Plafond a partire da € 10,00
  3. Richiedi il servizio
Id 27
timer
Tempo medio di consegna 10 gg. lavorativi

Visura repertori cartacei Conservatoria persona fisica € 106,40

**Tasse € 3,00

IVA (22%) € 23,41

TOTALE € 132,81

**Importo riferito a tasse, tributi e diritti

Descrizione

Il servizio visura repertori cartacei Conservatoria permette di effettuare una ispezione in Conservatoria RR.I. di una persona fisica nel periodo antecedente la data di meccanizzazione in Italia, prima del 1970. La ricerca in Conservatoria viene effettuata fino al 1957 con i dati anagrafici della persona fisica e fino alla data di origine della Conservatoria per paternità.

Il servizio fornisce l'elenco di tutte le formalità trascritte o iscritte in Conservatoria nel periodo antecedente la data di meccanizzazione. In seguito, potrà essere richiesto lo sviluppo dei singoli atti attraverso il servizio visura atto notarile in Conservatoria.

Il periodo antecedente la data di meccanizzazione, generalmente individuata in Italia nel 1970, è custodito all'interno degli archivi nei repertori cartacei della Conservatoria che possono essere consultati solo in loco da esperti visuristi e non possono essere asportati o fotocopiati. La ricerca viene effettuata a livello nazionale attraverso una estesa rete di propri collaboratori presenti direttamente in tutte le Conservatorie in Italia. 

NOTE
* Le spese escluse IVA sono relative alle tasse ipotecarie imposte dalla Agenzia delle Entrate (euro 3,00).

Domande e Risposte

Quando richiedere le visure ipotecarie ventennali ?

Le visure ipotecarie ventennali rappresentano lo strumento indispensabile per accertare la continuità delle trascrizioni di diritti reali in capo ad un immobile e verificare la sussistenza di gravami, vincoli, ipoteche o pregiudizievoli. Sono documenti indispensabili da richiedere per la stipula di un atto notarile di compravendita o di un contratto di finanziamento bancario, in fase di pre contenzioso legale e qualora sia necessario disporre di una certificazione ventennale ipocatastale per istanza di vendita.

Il servizio per le relazioni ipotecarie ventennali

Le visure ipotecarie ventennali o ultra ventennali vengono elaborati da esperti visuristi in una relazione patrimoniale che evidenzia non solo lo stato attuale del bene immobile ma, soprattutto, il quadro sinottico vale a dire la sua storia nel corso dei venti, trenta o quaranta anni precedenti. Le ispezioni ai Repertori Cartacei della Conservatoria, quindi nel periodo precedente la data di meccanizzazione, hanno l'obiettivo di ricercare il primo atto di provenienza dell'immobile e ricostruire lo storico di tutti i trasferimenti di diritti reali, la sussistenza di ipoteche o pregiudizievoli, le annotazioni di restrizione o cancellazione parziale o totale di ipoteca

Quali dati sono contenuti delle visure ipotecarie ventennali ?

Le visure ipotecarie ventennali sono strutturate sotto la forma di una relazione che evidenzia la storia di tutti i trasferimenti di diritti reali verificatesi nei 20, 30 o 40 anni antecedenti. Le relazioni ventennali contengono, relativamente ad ogni trasferimento di proprietà: i dati anagrafici del proprietario allo stato attuale dell’immobile; i dati dei soggetti contro; la natura e la quota dei diritti reali trasferiti con l'atto notarile; l’ubicazione dell’immobile; i dati catastali comprensivi di frazionamenti catastali o soppressione di particelle e subalterni; l’atto di provenienza in forza del quale il nominativo risulta proprietario del bene immobile; le ipoteche o pregiudizievoli che gravano sul bene immobile; le annotazioni di restrizione o di cancellazione, parziale o totale. Alle visure ipotecarie ventennale vengono sempre allegate la certificazione catastale ventennale e la planimetria catastale aggiornata.

Quanto costa la visura ipotecaria ventennale ?

Al costo del servizio devono essere addizionati gli importi relativi alle tasse ipotecarie ed ai tributi catastali. Non è possibile determinare in anticipo le spese che saranno sostenute in quanto non è dato conoscere quante formalità sarà necessario sviluppare e quanti saranno i trasferimenti di diritti reali che si sono verificati nel corso dei 20, 30 o 40 anni prima. L'importo totale delle spese verrà documentato in modo dettagliato e dovrà essere corrisposto prima della consegna della relazione.

Quali sono i tempi di consegna delle visure ipotecarie ventennali ?

La relazione viene consegnata entro 15 giorni lavorativi tramite e-mail. Se richiesto, è possibile ricevere la relazione patrimoniale ventennale per posta ordinaria o tramite corriere espresso.