Relazione ipotecaria completa

La relazione ipotecaria completa è sviluppata con riferimento ad un immobile, terreno o fabbricato e comprende la visura ipotecaria presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari, l'atto notarile di provenienza, le ipoteche o pregiudizievoli, la visura catastale storica e la planimetria catastale dell'immobile

Compila il modulo con i campi necessari

Vuoi richiedere questo servizio?

Puoi ottenerlo in soli 3 passaggi:

  1. Accedi con le tue credenziali o registrati
  2. Ricarica il tuo Plafond a partire da € 10,00
  3. Richiedi il servizio
Id 11
timer
Tempo medio di consegna 4 ore

Relazione ipotecaria completa € 91,20

**Tasse € 25,20

IVA (22%) € 20,06

TOTALE € 136,46

**Importo riferito a tasse, tributi e diritti

Descrizione

La relazione ipotecaria completa viene eseguita su una singola Conservatoria RR.II. ed un solo bene immobile indicato nel modulo di richiesta del quale si conoscano i dati catastali identificativi (catasto terreni o fabbricati, foglio, mappale e subalterno) o, in alternativa, i dati anagrafici completi del proprietario (persona o società). La ricerca è riferita al periodo decorrente dalla data di automazione della competente Conservatoria RR.II. fino alla data di aggiornamento. Qualora venga rilevato un numero maggiore di 5 formalità, verrà sottoposto al Cliente un preventivo con la richiesta di autorizzazione a procedere.

La relazione ipotecaria completa viene eseguita in riferimento ad un bene immobile e prevede lo sviluppo di n. 5 formalità (trascrizioni e iscrizioni). È costituita da una relazione patrimoniale ed è sempre accompagnata da:

  • elenco delle formalità
  • sviluppo di n. 5 atti notarili
  • visura storica catastale per immobile
  • planimetria catastale

NOTE
* Le visure ipotecarie relative a immobili ubicati in alcuni Comuni Tavolari delle provincie di BELLUNO e UDINE potrebbero determinare un esito negativo.
* Le spese escluse IVA sono relative alle tasse ipotecarie (euro 24,30) ed ai tributi catastali (euro 0,90) imposti dalla Agenzia delle Entrate.

Domande e Risposte

Perché richiedere la visura ipotecaria?

Prima della stipula di un contratto preliminare di compravendita, per una pratica di finanziamento bancario o in procedure legali finalizzate al recupero di crediti, le visure ipotecarie rappresentano lo strumento indispensabile per accertare in modo giuridicamente valido se una persona fisica o giuridica sia titolare o meno di un diritto reale su un bene immobile, terreno o fabbricato. Solo la visura ipotecaria ha, infatti, valore probatorio dal punto di vista giuridico e della titolarità di un diritto reale, di garanzia o di godimento, a favore o contro una persona, fisica o giuridica.

Quali dati sono presenti nelle visure ipotecarie ?

Le visure o ispezioni ipotecarie contengono l'elenco di tutte le formalità o atti notarili trascritti nell'Ufficio di Pubblicità Immobiliare, ex Conservatoria RR.II., riferite ad una persona, fisica o giuridica, o ad un immobile. Nelle visure ipotecarie, per ogni formalità, viene indicata la data di stipula dell'atto notarile, il notaio, la data di trascrizione o iscrizione in Conservatoria, il registro particolare (articolo) e registro generale (casella), la tipologia di atto (compravendita, successione, sentenza, usucapione, decreto, ipoteca, pignoramento, ..) e il Comune in cui sono ubicati gli immobili riferiti ad ogni formalità.

Differenza tra visure ipotecarie e relazioni patrimoniali

Le visure ipotecarie sono dei documenti che contengono l'elenco di tutte le formalità trascritte in Conservatoria relative ad un nominativo, persona fisica o giuridica, o ad un immobile. Le relazioni patrimoniali vengono elaborate da esperti visuristi di VisureItalia® attraverso le visure ipotecarie e lo sviluppo delle formalità ed evidenziano il saldo attuale dei beni immobili di proprietà di una persona o di una azienda con evidenza delle ipoteche e delle pregiudizievoli.

Come richiedere le visure ipotecarie?

Le visure ipotecarie possono essere richieste per soggetto (persona fisica o persona giuridica) o per immobile, indicando i dati catastali dell’immobile (comune, foglio, mappale, subalterno) . La ricerca può essere estesa a livello nazionale o limitata ad una provincia: in questo caso è indispensabile indicare l'ufficio della Conservatoria RR.II. nella quale eseguire la ricerca di competenza rispetto al Comune in cui è ubicato l'immobile.

Come vengono inviate le visure ipotecarie ?

Le visure ipotecarie vengono evase sotto forma di documenti elettronici in formato pdf. I documenti vengono estratti in tempo reale dalla banca dati Sister della Agenzia delle Entrate e la consegna avviene via e-mail avviene in pochi secondi. Il servizio è sempre operativo: tutti i giorni, festivi compresi, 24 ore su 24. È possibile richiedere l’invio del documento in originale con corriere espresso.

Come posso sapere la data di meccanizzazione di una Conservatoria in Italia ?

Le date di meccanizzazione si riferiscono alle date a partire dalle quali le Conservatorie hanno iniziato a memorizzare direttamente in formato elettronico le informazioni. Servono, quindi, per sapere se un atto può essere estratto online o è disponibile solo attraverso una consultazione presso gli sportelli di Pubblicità Immobiliare della competente Conservatoria. La data di meccanizzazione degli uffici della Conservatoria in Italia è generalmente il 1980 per cui tutte le ispezioni precedenti questa data dovranno essere eseguite ai repertori cartacei della Conservatoria.

Qual è la differenza tra una visura ipotecaria e una visura ipocatastale ?

La visura ipotecaria consiste in una ispezione limitata ai soli Uffici di Pubblicità Immobiliare, ex Conservatoria dei Registri Immobiliari. Il documento che viene estratto a seguito di una ispezione riporta l'elenco di tutte le formalità trascritte in Conservatoria. La visura ipocatastale completa questi dati con l'atto di provenienza (compravendita, donazione, successio,e divisione, ..) e con la visura catastale.